Centri termali in Calabria

I migliori stabilimenti e centri termali in Calabria, grazie a cui ritemprare non solo il corpo ma anche lo spirito, rappresentano una ricchezza nazionale per le caratteristiche e le proprietà delle acque, e si propongono quale occasione di vivere una vacanza in Calabria, all’insegna del benessere e del relax assoluto. Lambita dal Mar Ionio e dal Tirreno, la Calabria vanta infatti una vegetazione ricca ed unica, antiche tradizioni che si perdono nella notte dei tempi, una cucina forte e decisa, numerosi eventi folkloristici e pregevoli terme, le cui origini si perdono nei secoli addietro.

Numerosi i siti termali della regione, che conservano ancora oggi numerose tracce nei resti archeologici, a dimostrazione che il termalismo nella regione, era considerato una vera e propria forma di culto nei tempi antichi, praticato dagli abitanti. Numerosi siti termali, dove tra i più noti sono da menzionare: le terme di Sibari, a nord, in posizione fortunata tra lo splendido Pollino, la Sila e le meravigliose spiagge.

Le acque termali di Lamezia Terme sono famose in tutto il mondo, risalgono all’ epoca pre-Romana, tanto che un soggiorno in queste zone, offre l’occasione di visitare l’area circostante, che vanta Castelli normanni e siti archeologici, visitabili in completo relax, con passeggiate all’aria aperta, lontano dall’inquinamento cittadino. Praticare il termalismo nella regione, dona infatti l’occasione per vivere a 360° una terra misteriosa, pronta ad essere scoperta!

Le Terme Caronte di Lamezia Terme, la cui città fondata nel 1968 dalla fusione dei comuni di Nicastro, di Sambiase e di Sant’Eufemia Lamezia, si estende dalle pendici meridionali del Monte Reventino fino al meraviglioso golfo di Sant’Eufemia. Il nucleo storico è dato dall’abitato di Nicastro, particolarmente prospero sotto i normanni ed in età sveva, quando Federico II fece costruire il Castello in cui imprigionò il figlio ribelle Enrico VII. Quasi totalmente distrutto dal terremoto del 1638, l’abitato fu più volte distrutto dalle piene del torrente Piazza e dalla fiumara Nicastro. Di nota qui, la cattedrale, il Museo diocesano e quello etnografico dei mestieri.

Tra le altre splendide terme in Calabria, da scoprire poi le Terme di Antonimina, a circa 100 km da Reggio Calabria, nell’omonimo borgo, su uno sperone a mt. 328, tra l’Aspromonte e le Serre, sulla fiumara di Portigliola. Furono i pastori che attirati dai ricchi pascoli della zona, lo fondarono attorno al XV secolo. Le “acque sante locresi” erano già famose, quando la vicina colonia greca di Locri Epizefiri del VII sec.a.C., celebre per i suoi musici, i cantori ed i cavalli, era una fiorente città.

Ecco poi le Terme Sibarite di Cassano all’Ionio, a circa 68 Km da Cosenza, un luogo già abitato in età neolitica, nel nucleo originario di Cassano all’Ionio, identificato con l’antica Cossa o Cosa distrutta dai crotoniati con la colonia achea di Sibari. Nella parte bassa il borgo vanta una cattedrale antica, ma rimaneggiata in più occasioni ed il museo diocesano, con opere di artisti calabresi del XVI-XVIII secolo, assolutamente da ammirare. A poca distanza da qui, si trovano le Terme Sibarite, note nell’antichità, la cui prima costruzione di sontuosi bagni risale all’epoca in cui l’abitato fu dominio degli abitanti di Sibari.

Le Terme di Galatro a circa 76 Km da Reggio Calabria, un paese antico, un tempo noto per l’abilità dei suoi artigiani, ma distrutto dal terremoto nel 1783 e ricostruito a quota mt 158, alla confluenza dei fiumi Fermano e Metrano, che lo divide nei nuclei di Galatro Superiore e Montebello. Di nota, nella Chiesa di S.Nicola, un grandioso altare con statue del Cinquecento.

Gli amanti dei fanghi possono invece optare per le Terme Luigiane a 6 Km da Cosenza, tra i comuni di Guardia Piemontese e Acquappesa, terme che vantano acque sulfuree, in grado di favorire la formazione di alcuni dei fanghi più noti, per vari trattamenti di bellezza e le cure fango-termali. Nome della location, frutto di Luigi Carlo Borbone, conte dell’Aquila, che nel 1850 diede la sua personale protezione al luogo. Oggi la cittadina, posta sul lungo vallone della fiumara e circoscritta da rigogliose colline, rappresenta un’oasi piacevole di cura e benessere, grazie all’offerta termale ed alberghiera di 1° livello, al parco acquatico ed a paradisiache spiagge tirreniche.

E dopo questa selezione, non resta che scegliere in quale centro termale ristorarsi durante la prossima vacanza in Calabria!