Ricette tipiche: i mostaccioli calabresi al miele

La cucina calabrese è una cucina povera di origine contadina, ma assolutamente in grado di “sfornare” prelibate ricette tipiche come: i mostaccioli calabresi al miele

Una cucina quella calabrese, che trova le sue antiche origini nelle diverse civiltà venute a contatto con la popolazione del luogo, fortemente legata alle ricorrenze religiose ed agli eventi della vita famigliare, che vede tra le tipiche ricette dolci: i mostaccioli calabresi al miele.

Come da tradizione nella cucina calabrese infatti, ad esempio a Natale e per l’Epifania è usanza portare in tavola tredici portate, mentre a Carnevale mangiare maccheroni, polpette e carne di maiale, e ancora, per Pasqua gustare portate quali, l’arrosto d’agnello, i famosi cudduraci ed i pani spirituali, e così via per tutte le altre feste.

Non solo, perché anche ogni evento della vita familiare, che si tratti di nozze, battesimi, anniversari o qualsiasi altra ricorrenze, è d’obbligo secondo la tradizionale cucina calabrese, festeggiare sempre con una cena o con un pranzo particolare.

E proprio tra le ricette tipiche calabresi più usate per matrimoni, battesimi, lauree, oltre che tradizionalmente per San Giuseppe, una ricorrenza particolarmente sentita nella regione, ci sono i mostaccioli calabresi al miele, che sono preparati con forma e decorazione varia, a seconda della zona e del messaggio che si vuole comunicare.

Ingredienti mostaccioli calabresi al miele:

200 grammi di farina bianca 00;

200 grammi di miele millefiori;

2 cucchiai di liquore all’anice;

8 grammi di lievito per dolci;

codette colorate (facoltative).

Variante “colorata” dei mostaccioli calabresi al miele:

– andare anzitutto a setacciare per bene la farina bianca 00 con il lievito;

– quindi aggiungere il miele millefiori che deve essere di pari peso rispetto alla farina;

– aggiungere il liquore all’anice, quindi amalgamare fino ad ottenere un impasto che sia ben consistente e compatto, ma lavorabile;

– ottenuta quindi una pasta omogenea, procedere a modellarla in tanti filoncini lunghi e appiattiti, dello spessore di un centimetro ca, piuttosto che andare a creare le figure femminili o di pesci, tipiche dei biscotti in vendita sui banchetti alle fiere ed ai mercatini;

– non resta quindi che andare ad adagiare i mostaccioli calabresi su una placca da forno imburrata e decorarli con le codette colorate a piacere;

– cuocere in forno caldo a 160 gradi per 30 minuti;

– terminata la cottura, togliere i biscotti e lasciarli raffreddare.

Attenzione, la caratteristica tipica dei mostaccioli calabresi al miele è la consistenza compatta e molto dura, per non dire “spaccadenti”, che permette ai biscotti di essere conservati a lungo; per cui è consigliabile aspettare qualche giorno prima di consumarli, onde dare all’impasto il tempo di ammorbidirsi un pochino.
Per la conservazione invece, è assolutamente adatta una comune scatola di latta.